Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 23 giugno 2010

Spesso siamo portati a pensare che i supermarket della lettura, quali La Feltrinelli o altre grandi catene, raccolgano in sé tutto lo scibile umano; ogni tanto, però, bisognerebbe fermarsi a riflettere sui forti interessi di mercato che guidano le logiche del pianeta libri (concorsi e premi letterari inclusi).

Questo preambolo è legato al fatto che ho scoperto – come sempre, quasi casualmente – che un‘apprezzata autrice giapponese, Yoko Tawada, da tempo residente in Germania, in Italia è stata pubblicata da una minuscola casa editrice; di lei, naturalmente, è difficile trovare traccia persino nei cataloghi dei bookshop online nostrani più forniti.
Il libro di cui oggi avrei voluto parlarvi (ed uso il passato perché sono riuscita a reperire solo minime informazioni) è Il Bagno (Ripostes, pp. 95, € 8,00) della su menzionata Yoko Tawada. Per quel poco che sono riuscita a capire, si dovrebbe trattare di un racconto che ha per sfondo l’incapacità di comunicare in modo pieno e soddisfacente, legata alle differenze linguistiche, da cui deriva la sensazione di essere <<lost in translation>>.
Tutti coloro che sanno qualcosa in più del volume, sono pregati di lasciare un commento qui sotto. Grazie. 🙂

Read Full Post »

A chi, di fronte un’ingiustizia, vorrebbe sfoderare la katana;
a chi – come me – sogna di uscire dal metrò con un’arma in mano, nella speranza di intimorire la folla sulla banchina che ti respinge dentro il vagone;
a chi, semplicemente, ama le arme giapponesi…

dedico questo post. Il libro di oggi, fresco di stampa, è infatti Nippontō di Sergio Magotti (Ponchiroli editori, 190 pp. a colori, 200 foto, 50 illustrazioni; formato 30 x 30; € 68), in cui si ripercorre la storia della katana giapponese; non mancano, inoltre, consigli per valutare le lame e curarle al meglio. Ecco la presentazione della casa editrice:

Fredde e spietate strumenti di offesa, nel tempo le spade giapponesi hanno conquistato nell’immaginario collettivo una propria dimensione metafisica – vero e proprio oggetto di culto, nel senso più moderno del termine – trasformandosi in icona nobile e affascinante dell’arte e della cultura orientale.

La loro storia, le leggende e le tecnologie costruttive tramandate di generazione in generazione, il loro valore intrinseco e quello simbolico sono il filo conduttore di una trattazione che si presta a più livelli di lettura. Quello documentale, che inquadra l’evoluzione della spada nelle diverse epoche della storia giapponese. La dimensione mitica, che evoca le vicende di lame taglientissime e indistruttibili, di spiriti e dei, di fabbri divenuti essi stessi – al pari di spade tuttora conservate con rispetto e venerazione – “tesoro nazionale vivente” del Giappone. Il piano culturale e artistico, con centinaia di splendide fotografie inedite di lame, montature e accessori tutte rigorosamente a colori.

Infine, il dettagliato approfondimento tecnico attraverso una vera e propria “anatomia” della spada: appassionati e addetti ai lavori potranno confrontarsi con ogni più piccolo elemento, ricostruito con maestria nell’ambito di suggestive illustrazioni e rappresentazioni tridimensionali. Completano il quadro diverse tavole di riferimento temporale, un glossario particolarmente ricco ed una serie di indicazioni teoriche e pratiche per muoversi con maggior cognizione di causa nell’affascinante ma procelloso mercato internazionale della spada giapponese.

Per maggiori informazioni, visitate il sito http://www.spadegiapponesi.com/.

Read Full Post »